Foglietti gialli

Qui troverai i foglietti della settimana con tutti gli incontri e le funzioni.

chiesa2FG1932 – 2 ottobre 2022 – 27a Tempo Ordinario – Anno C

AUMENTA LA NOSTRA FEDE” … SÌ, MA QUALE?

Gli apostoli dissero al Signore: «Aumenta la nostra fede!».

Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granellino di senapa, potreste dire a questo gelso: Sii sradicato e trapiantato nel mare, ed esso vi ascolterebbe.
Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà quando rientra dal campo: Vieni subito e mettiti a tavola? Non gli dirà piuttosto: Preparami da mangiare, rimboccati la veste e servimi, finché io abbia mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai anche tu? Si riterrà obbligato verso il suo servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti? Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare». (Luca 17, 5-10)

Signore, qua non si capisce più niente… Fa crescere un po’ la nostra poca fede” dicono gli apostoli dopo essersi massaggiati l’anima dolorante per le ultime parole di Gesù, dure come pietre, riferiteci in queste domeniche da Luca.

Ricordi? “Entrate per la porta stretta… Occupa l’ultimo posto… Chi non porta la croce non è dei miei… Chi non rinuncia a tutto, non può seguirmi …”.

Per non parlare del Dio così strano e imprevedibile che ha sovvertito ogni immagine che si erano fatta di Lui: un Dio che prima stravede per un figlio vagabondo e libertino fuggito con l’eredità avuta anzitempo, che elogia un commercialista dall’allegra amministrazione, e che manda all’inferno un imprenditore che fa girare l’economia…”.

Non so se Luca abbia saltato una frase o se l’abbiano tolta perché non garantiva i miracoli. Secondo me, dopo l’invito di Gesù ad avere un briciolo di fede – un decimo di millimetro, tanta è la circonferenza del granello di senape – ci dovrebbe andare qualcosa tipo: “… ma se ne aveste un po’ di più, come un chicco di grano, maggiormente palpabile; o anche solo come il seme di una zucca, vi fidereste maggiormente delle mie parole e di Dio che me le suggerisce, lasciando che la natura faccia il suo corso, senza far volare un gelso e mandarlo a marcire tra le onde…”.

Quanto somiglia alla nostra, la vicenda del profeta della 1a lettura, che vede avvicinarsi l’esercito dei perfidi Caldei e Dio che sembra indifferente alle grida del suo popolo, se non, addirittura, inesistente. Quanta preoccupazione, oggi, per questa 3a guerra mondiale che pezzo dopo pezzo, scompiglierà il puzzle delle nazioni; per il clima impazzito; per i tanti criminali che crescono come funghi!

Dal papa fino a chi i nemici li ha in casa e vede evaporare la speranza, tutti ci chiediamo se Dio si diverta a castigarci per avergli rovinato il gioiellino costatogli 14 miliardi di anni, o se, semplicemente, non esista.

A settembre sono riprese varie iniziative e riunioni, dai consigli pastorali alle celebrazioni. Ho avuto nei giorni scorsi la conferma di questo clima da disfatta: calano i fedeli (forse al 5%), le catechiste, gli animatori e i volontari. Qualcuno se la prende anche coi preti che lasciano troppa libertà, altri che sperano un celere ritorno dei vecchi tempi, mentre i prezzi dell’energia fanno chiudere chiese e raggruppare messe e celebrazioni…

La risposta di Gesù potrebbe essere sintetizzata così: “FEDE e UMILTÀ”.

Credete di aver fede, ma in realtà parlate a un Dio che è la proiezione delle vostre voglie e il desiderio di possedere voi la sua potenza per realizzare i vostri desideri e basta.

Siate umili! La parabola del servo che torna stanco dal campo e che deve buttarsi sui fornelli a preparare la cena al padrone, non è un invito al masochismo, ma a trovare la soddisfazione nel fare il nostro dovere, la gioia di servire, felici di vedere il povero che accudiamo, sazio e soddisfatto (“L’avete fatto a me”).

Quando eravamo insieme, non ho mai visto mia madre seduta: anche nel nostro relax, lei doveva, per lo meno, lucidare qualche scarpa, ed era felice di rendersi utile, soddisfatta. Mai un rimprovero per lo sporco o per il disordine lasciato in giro.

Oggi sembra logico dire: “Ho anch’io i miei diritti”, mentre lei sembrava sussurrarti sorridendo: “Ho fatto quello che dovevo fare!”, soddisfatta col suo profumo di Cielo.

Giuseppe Corato

AVVISI PER L’UNITÀ PASTORALE

CORSO FIDANZATI

Mercoledì 5 ottobre 20.30 Casa S. Angela (chiesetta) CORSO FIDANZATI

(altri incontri: 14,21,28 ottobre; 4,11,18,25 novembre; 2,7,16 dicembre;

sabato 28 gennaio 18.30: S. Messa in Duomo e cena)

TUTTI INVITATI A CELEBRARE INSIEME :

Sabato 8 ottobre con la S. Messa delle 17.00 a Villaggio Giardino daremo inizio al

7° anno della nostra Unità Pastorale. Tutte le 5 comunità sono invitate a questa Messa. Per quel Sabato 8 ottobre rimane la Messa a San Bortolo (19.00).

Saranno sospese, invece, le messe in Duomo (18.30) e a San Zeno (19.30)

PARROCCHIA DI OGNISSANTI

Dom 2 ottobre 15.30 Messa al Capitello Madonna del Carmine (via Capitello)

Lunedì 3 ottobre 20.30 (dopo la messa) ROSARIO MISSIONARIO

Martedì 4 ottobre ore 19.00 in Duomo: Rosario Perpetuo

Mercoledì 5 ottobre: si riunisce la Comunità Capi Agesci in Sede

Il Gruppo Missionario ringrazia per la generosità nella vendita delle piantine di domenica scorsa
in favore delle missioni: sono stati raccolti 607, 03 Euro. GRAZIE a TUTTI!!!

PARROCCHIA S. GIOVANNI BATTISTA – VILLAGGIO

Martedì 4 ottobre 20.30 Salone in Casa della Comunità: SERATA DELLA PAROLA

Giovedì 6 ottobre 15.00 in chiesa: Ora di guardia – recita del Rosario

Sabato 8 ottobre Messa delle 17.00: INIZIO 7° ANNO DELL’UNITA’ PASTORALE

(tutte le comunità sono invitate a partecipare in segno di comunione e fraternità)

Domenica 9 ottobre alla Messa delle 10.15: Battesimo di Zoe Singh ed Elia Nizzaro

Mercoledì 12 ottobre ore 20.30: Incontro di proposta per un nuovo cammino

con i genitori dei ragazzi di I IIIII media

PARROCCHIA DI CASTELLO

Mercoledì 5 ottobre 8.30 S. Messa in Cappellina

PARROCCHIA DI S. ZENO

Domenica 2 ottobre alle 11.00 Battesimo di Pietro Dal Cason e Lavinia Filippozzi

Domenica 9 ottobre Messa 9.30: 40° Matrimonio Tullio Pernigotto e Maria Vallarsa

Domenica 9 ottobre Festa degli Anziani: Messa ore 11.15 e pranzo al bocciodromo

PARROCCHIA DI S. BORTOLO

Domenica 2 ottobre Messa delle 10.00 Battesimo di Giada Repele e Alberto Meggiolaro

Martedì 4 ottobre 20.30 Genitori di 4a Elementare

Rosario in Ottobre: Chiesa di San Bortolo il martedì dopo la messa delle 19.00

Capitello di via Caprera il giovedì alle ore 20.00

OTTOBRE MISSIONARIO E MARIANO

Cappella dell’Istituto S. Giuseppe: da lunedì a venerdì alle 17,30

Capitello Madonna della Salute: da lunedì a venerdì alle 20,30.

Chiesa delle Conche: da lunedì a venerdì alle 19.30

Chiesetta del Riotorto: da lunedì a venerdì alle 19.00 (3 – 31 ott.)

Chiesetta di S. Girolamo: da lunedì a venerdì alle 15.00

Venerdì 30 settembre S. Messa ore 15.00

Gruppo Missionario in Duomo: i 4 lunedì di Ottobre (3,10, 17, 24) alle 20.30

 

LE DONNE IRANIANE

Le donne iraniane si tagliano i capelli. Lo fanno in segno di protesta per l’uccisione di Mahasa Amini. Questa ragazza curda, di 22 anni, è stata picchiata a morte dalla polizia morale perché non indossava bene il velo, da cui fuoriusciva una cio cca di capelli. La versione ufficiale delle forze di sicurezza è che Mahasa sia morta per un attacco cardiaco. Versione che è stata smentita dalla famiglia, secondo cui Mahasa riportava delle fratture craniche quando è arrivata in ospedale a Teheran, dove è morta dopo tre giorni di coma. 

Il dissenso si sta diffondendo in tutto il Paese, le donne manifestano contro le rigide norme sull’abbigliamento imposte dall’Ayatollah Khomeini nel 1979 e diventate legge nel 1983. Dopo la rivoluzione islamica, le autorità iraniane hanno imposto un codice di abbigliamento obbligatorio che richiede a tutte le donne, indipendentemente dalla nazionalità e religione, di indossare il velo e abiti larghi per mascherare le loro figure in pubblico. La polizia morale – conosciuta formalmente come “Gasht-e Ershad” (Pattuglie di orientamento) – ha il compito di garantire che le donne si conformino all’interpretazione dell’abbigliamento “corretto”. Anche solo spingere il velo un po’ più indietro rappresenta un atto di resistenza. 

Tagliarsi i capelli in segno di lutto è un’usanza della cultura curda. Per questo, in memoria di Mahasa, le donne iraniane si tagliano i capelli, bruciano gli hijab nelle strade e portano avanti la loro battaglia anche online,  pubblicano i video sui social con l’hashtag #MahasaAmini. La prima è stata @ShinD1982 che ha pubblicato un video su Twitter in cui si taglia i capelli con grande coinvolgimento emotivo come atto di opposizione simbolica alla legge. Da allora il video ha raccolto quasi mezzo milione di visualizzazioni. 

 

SOSTENIAMO QUESTE DONNE:

LA LORO CAUSA, LA LORO DIGNITÀ

SONO ANCHE LA NOSTRA CAUSA, LA NOSTRA DIGNITÀ

 

Unità Pastorale “Arzignano Centro” – Ricordo dei defunti

da sabato 1 a domenica 9 ottobre 2022

OGNISSANTI

Sabato 1 ottobre ore 18.30: – SECONDO Rigo e def. Fam. MATTIELLO – Def. Fam. URBANI
– Def. Fam. VALERIO

Domenica 2 ottobre ore 8.00: – MERI e COSTANTINO Bolcato
ore 10.30: – GIUSEPPE Zecchin e CESIRA Nardi
ore 19.30: – ANGELA Faggiana (ann) e DOMENICO Fongaro (ann)

Lunedì 3 ottobre ore 19.30: – ANTONIO e MIA Dal Cengio e fam. def. – GABRIELLA Pezzolato e def. fam., JOLE Dall’Ava – RITA Bernardi – LUIGI Dal Maso e MARIA Vignaga – OLGA e MARCELLO Repele

Martedì 4 ottobre (S.Francesco d’Assisi) ore 8.00: – MARIA Balestro e VITTORIO Sartori – PIETRO Di Natale – LUCIA Farneda

Giovedì 6 ottobre ore 8.00: – MARIA, NELLO e LUCIO – CATERINA Bertagnoli e fam.

Venerdì 7 ottobre (Rosario) ore 19.30: – ALESSANDRA Gennaro e Fam. Def. – RENZO Consolaro e IRENE Dal Maso – TIBERIO, VALENTINO e MARCELLINA Volpiana – GIUSEPPE Zordan
– Secondo le intenzioni

ATTENZIONE: SABATO 8 OTTOBRE NON C’È LA MESSA DELLE 18.30

Domenica 9 ottobre ore 10.30: – FRANCESCO Pozzan (ann)

 

S. GIOVANNI BATTISTA – VILLAGGIO G.

Sabato 1 ottobre ore 17: 30° Maria Cristina Corradi, Angela Vignaga – Mario Biolo, Amelia Dal Molin Giorgio e Sabrina Albiero Francesco e Pietro Pizzolato Maria Antoniazzi Mary Rasia Dal Polo, Giobatta Povoleri Bruno e Michele Foscarini

Domenica 2 ottobre ore 10.15: Ann. Maria e Pietro Luciano Marcigaglia Mario Sgaggero Angelo Miozzi Luigi Banzato

Mercoledì 5 ottobre ore 19.30: Dario e Rosa

Sabato 8 ottobre ore 17 Santa Messa per il 7° anniversario dell’Unità Pastorale: Italo Vallarsa Caterina Angriman Pietro e Andrea Negretto, Graziella Massignan

CASTELLO

Domenica 2 ottobre ore 11.00: – Neri Maddalena – Ferrari Elio – Neri Bruno e Danda Graziella

SAN ZENO

Sabato 01 ottobre ore 19.30: Gaetana Zaupa.

Giovedì 06 ottobre ore 19.30: 30° Rancan Ausonia, Roberto e Orazio.

SAN BORTOLO

Sabato 01 ottobre ore 19.00: – Pegoraro Mario, Belluzzi Lina, Pegoraro Lino – Soldà Andrea (ann)

Domenica 02 ottobre ore 10.00: Intenzioni persona offerente

Martedì 04 ottobre ore 19.00: – Bettega Roberto (30mo)

Sabato 08 ottobre ore 19.00: Ciman Giuseppe e Lunari Nerina – Bettega Roberto

Domenica 09 ottobre ore 10.00: – Intenzioni persona offerente

___________________________________________________________________________________

Clicca qui sotto per scaricare il foglietto di questa domenica

fg1931_25_settembre_2022_26a_TO_C

O vai QUI, sull’Archivio, per quelli anche precedenti

______________________________________________________________________________________

“Con la guerra tutto si perde,

tutto!

Non c’è vittoria in una guerra,

tutto è sconfitto.

Che il Signore invii il suo Spirito

perché ci faccia capire

che la guerra

è una sconfitta dell’umanità

e ci liberi da questo bisogno

di autodistruzione”

Papa Francesco

 

RACCOLTA BENI PER I PROFUGHI DELLE ROTTE BALCANICHE

Presso la casa della comunità a Villaggio Giardino i volontari che collaborano con Missioland Onlus Associazione di Carrè raccolgono i seguenti prodotti:

ALIMENTARI: Olio, farina, zucchero, sale, snack, frutta secca, legumi di tutti i tipi, riso, sughi (NO LATTE) Non contenitori di vetro, scadenza non prima di sei mesi

IGIENE: Asciugamani, saponi, shampoo, spazzolini da denti, dentifrici,salviette deumidificate

ABBIGLIAMENTO: Giacche, pantaloni sportivi, scarpe sportive nr. 40-46, calze, biancheria intima, giacche antipioggia

VARIE: Cellulari, zaini, sacchi a pelo, tende

Per informazioni: Cisco Elena 366 4029045 / Dal Barco Regina 347 3824260 Bedin Mario 328 1975439

GIORNI E ORARI PER LA RACCOLTA

(non portare prodotti al di fuori di questi giorni e orari o abbandonarli all’aperto

nelle vicinanze della casa della comunità o della chiesa)

15-17 novembre dalle 18 alle 19.30 // 6 e 13 novembre dalle 9 alle 11.30

LA LEGGE DEL PANTOGRAFO

Il pantografo è uno strumento per ingrandire un’immagine: da una parte si passa il contorno dell’immagine piccola, e per un sistema di pulegge la stessa immagine viene riprodotta più grande su un altro foglio, mantenendo però integre le proporzioni.

Così è per la nostra vita: scriviamo per un po’ di anni la nostra esistenza, bene o male…. Comunque vada …ha questa o quella forma. La cosa strana, tragica o meravigliosa, è che questa stessa vita ce la ritroveremo per l’eternità, ed avrà le stesse caratteristiche. Se sei stato accogliente, benevolo, comprensivo….. Ti ritroverai un futuro in cui sarà accolto, vivrai la benevolenza degli altri e la grande comprensione e misericordia di Dio! Bada bene, allora, a come vivi quaggiù…perchè da questo “poco” tempo dipenderà il tuo futuro …eterno!

 

 

 

 

 

 

 

 

LA MADONNA DI LORETO IN MEZZO A NOI

La basilica della Santa Casa è uno dei principali luoghi di culto mariano e tra i più importanti e visitati santuari mariani del mondo cattolico. Sorge a Loreto in piazza della Madonna, a 127 metri s.l.m., al termine della via Lauretana. Il santuario ha la dignità di Basilica pontificia minore[1].

All’interno della basilica, i cattolici rendono culto di devozione verso i resti di quella che secondo la tradizione è la A questa famosa basilica è collegata la devozione per Santa Casa di Nazareth, dove visse Gesù. Maria madre di Gesù che ha l’iconografia culturale e storica della Vergine Lauretana, patrona dell’aviazione; tra i numerosi personaggi e santi che vi hanno fatto visita, si ricordano santa Camilla Battista da Varano; santa Thérèse di Lisieux; santa Gianna Beretta Molla; tra i papi che hanno visitato la basilica vi sono papa Giovanni XXIII[2]papa Giovanni Paolo II[3]papa Benedetto XVI[4] e papa Francesco[5].

 

Il Patriarcato latino reagisce

alle recenti violenze a Gerusalemme

11 Maggio 2021 – Comunicato stampa

Con tutti i Capi delle Chiese, siamo “profondamente scoraggiati e preoccupati per i recenti episodi di violenza a Gerusalemme Est, sia alla Moschea di Al Aqsa che a Sheikh Jarrah, che violano la santità del popolo di Gerusalemme e quella di Gerusalemme come Città della Pace,” e richiedono un intervento urgente. La violenza usata contro i fedeli mina la loro sicurezza e il loro diritto di avere accesso ai Luoghi Santi e di pregare liberamente. Lo sgombero forzato dei palestinesi dalle loro case a Sheikh Jarrah è un’altra inaccettabile violazione dei diritti umani fondamentali, quello del diritto a una casa. È una questione di giustizia per gli abitanti della città vivere, pregare e lavorare, ciascuno secondo la propria dignità; una dignità conferita all’umanità da Dio stesso. Per quanto riguarda la situazione di Sheikh Jarrah, facciamo eco alle parole dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti umani che ha affermato che lo stato di diritto viene “applicato in modo intrinsecamente discriminatorio”. Questo è diventato uno dei punti più critici delle crescenti tensioni a Gerusalemme in generale. L’episodio in questione non riguarda una controversia immobiliare tra privati. È piuttosto un tentativo ispirato da un’ideologia estremista che nega il diritto di esistere a chi abita nella propria casa. Di particolare significato è anche il diritto di accesso ai Luoghi Santi. Ai fedeli palestinesi è stato negato l’accesso alla moschea di Al Aqsa durante questo mese di Ramadan. Queste manifestazioni di forza feriscono lo spirito e l’anima della Città Santa, la cui vocazione è quella di essere aperta e accogliente; di essere una casa per tutti i credenti, con pari diritti, dignità e doveri. La posizione storica delle Chiese di Gerusalemme è chiara circa la denuncia di ogni tentativo inteso a rendere Gerusalemme una città esclusiva per chiunque. Questa è una città sacra alle tre religioni monoteiste e, sulla base del diritto internazionale e delle pertinenti risoluzioni delle Nazioni Unite, anche una città in cui il popolo palestinese, composto da cristiani e musulmani, ha lo stesso diritto di costruirsi un futuro basato sulla libertà, l’uguaglianza e la pace. Chiediamo pertanto un assoluto rispetto dello status quo di tutti i Luoghi Santi, compreso il complesso della moschea di Al-Aqsa. L’autorità che controlla la città dovrebbe proteggere il carattere speciale di Gerusalemme, chiamata ad essere il cuore delle fedi abramitiche, un luogo di preghiera e di incontro, aperto a tutti e dove tutti i credenti e i cittadini, di ogni fede e appartenenza, possono sentirsi a “casa”, protetti e sicuri. La nostra Chiesa è stata chiara sul fatto che la pace richiede giustizia. Nella misura in cui i diritti di tutti, israeliani e palestinesi, non saranno sostenuti e rispettati, non ci sarà giustizia e quindi nessuna pace nella città. È nostro dovere non ignorare l’ingiustizia né alcuna aggressione contro la dignità umana, indipendentemente da chi le commette. Chiediamo alla Comunità Internazionale, alle Chiese e a tutte le persone di buona volontà di intervenire per porre fine a queste azioni provocatorie e di continuare a pregare per la pace di Gerusalemme. Ci uniamo in preghiera con l’intenzione del Santo Padre Papa Francesco che “l’identità multireligiosa e multiculturale della Città Santa possa essere rispettata e che la fraternità possa prevalere”.

Fonte Fondazione Homo Viator – San Teobaldo

Don Raimondo Sinibaldi

ORARIO SANTE MESSE DELL’UNITA’ PASTORALE

 

 

 

LUNEDÌ

Ore 19.30

Duomo Ognissanti

DOMENICA
e festive

Ore 8.00

Duomo Ognissanti

MARTEDÌ

Ore 8.00

Duomo Ognissanti

Ore 8.30

Castello

MERCOLEDÌ

Ore 8.30

Castello

Ore 9.30

San Zeno

Ore 19.00

San Bortolo (+ Ad.Euc,)

Ore 10.00

San Bortolo

Ore 19.30

S.G.Battista Villaggio

Ore 10.15

S.G.Battista Villaggio

GIOVEDÌ

Ore 8.00

Duomo Ognissanti

Ore 10.30

Duomo Ognissanti

Ore 19.30

San Zeno (+ Ad.Euc,)

Ore 11.00

Castello

VENERDÌ

Ore 19.30

Duomo Ognissanti

Ore 19.30

Duomo Ognissanti

SABATO
e prefestive

Ore 17.00

S.G.Battista Villaggio

   

Ore 18.30

Duomo Ognissanti

OSPEDALE

Da lun. al sab. alle ore 7.00

Ore 19.00

San Bortolo

Alla domenica alle ore 17.00

Ore 19.30

San Zeno

   

 

 

 

 

10 dicembre 2020

Giornata internazionale dei diritti umani

Giovedì 10 dicembre si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale dei diritti umani.

Quest’anno sarà lotta contro la discriminazione.

Il 10 dicembre 1948 veniva firmata a Parigi la Dichiarazione Universale dei diritti umani.

Tutti gli esseri umani…devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.”  (art. 1)

 

NUOVA EDIZIONE DEL MESSALE ROMANO

La terza edizione del Missale Romanum uscì nel 2000 con Giovanni Paolo II. Nel 2002 partirono i lavori per la traduzione italiana che si conclusero nel 2019 con l’approvazione del testo definitivo da parte di Papa Francesco.

 

# Le novità più significative si trovano nel testo dell’Inno del Gloria e nel Padre Nostro. Nel Gloria il nuovo testo prevede le parole “E pace in terra agli uomini, amati dal Signore” al posto di “E pace in terra agli uomini di buona volontà”.

# Altra novità ma già conosciuta: alla fine della preghiera del Padre Nostro. Non diremo più “Non ci indurre in tentazione” ma “Non abbandonarci alla tentazione“. Per dirla con parole di papa Francesco, “dobbiamo escludere che sia Dio il protagonista delle tentazioni che incombono sul cammino dell’uomo”. Nel testo del Padre Nostro c’è un’altra modifica: l’aggiunta della congiunzione “anche” nella frase “Come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori”.

# Per quanto riguarda il “Confesso…” durante l’atto penitenziale, si è optato per un linguaggio “inclusivo”; dove si diceva: “Confesso, a Dio onnipotente e a voi fratelli…”, dovremo dire “Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli e sorelle...“. Il termine “sorelle” viene inserito anche in altre preghiere dove il Celebrante diceva solamente “fratelli”. Come ad esempio nell’invito del Celebrante dopo la presentazione dei doni, dove si dirà: “Pregate fratelli e sorelle, perché il mio e vostro sacrificio sia gradito…”. Così nel ricordo dei defunti: “Ricordati anche dei nostri fratelli e sorelle che si sono addormentati nella speranza della risurrezione”.

# Un’altra novità riguarda l’atto penitenziale. Non è più previsto l’uso dell’italiano “Signore pietà” e “Cristo pietà” ma, anche per l’assemblea, le formule in lingua greca: “Kýrie, eléison” e “Christe, éleison”.

# Anche l’invito del celebrante al momento della pace cambia leggermente. Non “Scambiatevi un segno di pace” ma “Scambiatevi il dono della pace“.

# Nella Preghiera eucaristica II (la più utilizzata) il celebrante dirà: «santifica questi doni con la rugiada del tuo Spirito».

# L’invito alla Comunione cambia l’ordine delle frasi: non più “Beati gli invitati… Ecco l’Agnello di Dio…” ma “Ecco l’Agnello di Dio… Beati gli invitati…“, per fedeltà al testo latino.

L’occasione della Nuova Edizione del Messale nelle nostre liturgie ci darà l’occasione per rivisitare e rinnovare il nostro modo di celebrare la vita, di santificare il tempo, di imparare a pregare il Padre in spirito e verità!

 

UFFICIO PARROCCHIALE presso OGNISSANTI 2021

 

 

 

 

MATTINO

POMERIGGIO

LUNEDÌ

dalle  alle

dalle  alle

MARTEDÌ

 

dalle  alle

MERCOLEDÌ

dalle  alle

dalle  alle

GIOVEDÌ

dalle  alle

dalle  alle

VENERDÌ

dalle  alle

dalle  alle

 

 

 

 

 

UFFICIO PARROCCHIALE a VILLAGGIO GIARDINO 2021

 

 

 

 

MATTINO

POMERIGGIO

LUNEDÌ

 

 

MARTEDÌ

 

 

MERCOLEDÌ

dalle 9 alle 11

 

GIOVEDÌ

dalle 9 alle 11

 

VENERDÌ

 

dalle 15 alle 17

 

 

 

(orario estivo luglio-agosto)

 

MATTINO

POMERIGGIO

LUNEDÌ

dalle 9 alle 10

 

MARTEDÌ

 

dalle 16 alle 17

MERCOLEDÌ

dalle 9 alle 10

 

GIOVEDÌ

dalle 9 alle 10

 

VENERDÌ

dalle 9 alle 10

dalle 16 alle 17

 

 

 

 

 

 

Per sostenere i lavori della Parrocchia
Banco BPM: IT 11 X 050 346 0120 000 000 452 181

UniCredit Banca: IT 30 I 020 086 0122 000 004 432 649

Cassa di Risparmio del Veneto: IT 21 S 062 256 0122 000 000 228 482

ORARIO PROVVISORIO S.MESSE NELLE PARROCCHIE DELL’UNITÀ PASTORALE PRIMAVERA 2020

 

Ognissanti

Castello

 Villaggio Giardino

 S.Zeno

S.Bortolo

Ospedale

Lunedì

19.30

       

6.45

Martedì

8.00          6.45

Mercoledì

  8.30

19.30

 

19.00

 6.45

Giovedì

8.00    

19.30

   6.45

Venerdì

19.30

         6.45

SABATO e prefestive

18.30

 

17.00

19.30

19.00

 7.00

DOMENICA

8.00

10.30

19.30

8.30

11.00

10.15

9.30

10.00

17.00